Medaglia di benemerenza Giubilare d’Argento del Sacro Militare Ordine di San Giorgio a Antonino Sala

Ringrazio il Gran Maestro dell’Sacro Militare Ordine di San Giorgio il Principe Don Pedro di Borbone Due Sicilie per aver voluto conferirmi la Medaglia di benemerenza Giubilare d’Argento. A lui e al Suo primogenito Don Jaime mi legano sinceri sentimenti di stima e cavalleresca lealtà.

Sabato 20 maggio 2017 ore 10 presso la Società Siciliana per la Storia Patria Piazza San Domenico 1, Palermo Convegno di studi su “Costantino : Imperatore e Santo “

Convegno di studi su “Costantino : Imperatore e Santo “

Presiede Giovanni Fatta Del Bosco

Presidente della Società Siciliana per la Storia Patria

Programma dei lavori:

S.E.R. Mons. Enrico dal Covolo

Rettore della Pontificia Università Lateranense:

Dalla “svolta” costantiniana alle vicende postcalcedonesi. Per una valutazione storico-teologica dei rapporti tra l’ Impero e la Chiesa nei primi secoli cristiani.

Antonio Ingoglia, Università di Palermo:

“ Amministrazione della giustizia e rapporti tra potere secolare ed ecclesiastico in età giustinianea”.

Giovanni Giuseppe Mellusi, Direttore dell’ Archivio Storico Messinese:

Una vexata quaestio: il Costitutum (o Donatio) Costantini

Teresa Sardella, Università di Catania:

da Roma a Bisanzio.

 Salvatore Bordonali, Università di Palermo:

Da Bisanzio a Palermo.

Mario Ferrante, Università degli Studi di Palermo:

Il culto di S. Costantino in Sicilia.

Coffee break

Amadeo M. Rey y Cabieses

Auditore Generale del Sacro Militare Ordine Costantiniano:

Aspetti attuali della Sacra Milizia.

 Saluti del Sindaco della Città.

   Sarà presente S.A.R. Don Pedro di Borbone Due Sicilie ,Gran Maestro dell’ Ordine Costantiniano (Spagna)  

Auguri a Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto eletto questa mattina Luogotenente di Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta.

IMG_20141106_124923_0Esprimo un sincero augurio di buon lavoro a Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto eletto questa mattina Luogotenente di Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta. Conoscendolo personalmente sono certo che svolgerà questo compito importante con la competenza e l’abnegazione che lo hanno contraddistinto come Gran Priore di Roma e come Luogotenente già nel 2008 ma sopratutto come Cavaliere melitense.

Antonino Sala

Santa Messa in ricordo della Beata Maria Cristina di Savoia Regina delle Due Sicilie a Caltanissetta

Si è svolta Martedì 31 Gennaio a Caltanissetta presso la Chiesa di Sant’Anna al Testasecca, la Santa Messa in ricordo della Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie. La celebrazione è stata organizzata dalla Delegazione Sicilia Occidentale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, dalla Delegazione di Sicilia degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia e dalla Delegazione di Caltanissetta dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon. A celebrare la sentita e composta liturgia il Can. Angelo Gallo, rettore della Chiesa di Sant’Anna, che si è soffermato sulle doti umane e cristiane della Regnante. Cenni biografici della sovrana sono stati delineati dal Prof. Enzo Falzone, Delegato di Caltanissetta delle Guardie d’Onore al Pantheon e Cavaliere al Merito di Savoia. Saluti e ringraziamenti sono stati espressi dalla GdO Dott. Oscar Elia Lunetta, Cavaliere di Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, che ha letto un messaggio del Delegato Costantiniano per la Sicilia Occidentale, Prof. Salvatore Bordonali, soffermandosi, inoltre, sulla gioia di vedere la bandiera Sabauda e Borbonica insieme nel ricordo di una Regina Cattolica. Espressioni di saluto sono giunte anche dal’Avv. Francesco Attanasio, Delegato di Sicilia degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, e dal Cav. Giuseppe Restifo, Ispettore Regionale per la Sicilia delle Guardie d’Onore al Pantheon. Tra le gradite presenze la Prof.ssa Giuseppina Battaglia, Presidentessa del locale “Convegno di cultura Beata Maria Cristina di Savoia”, che ha dato lettura della preghiera alla Beata scritta dal Prof. Tommaso Romano. All’organo il maestro Roberto Rizzo ha allietato la funzione. In occasione della ricorrenza è stata stampata una cartolina commemorativa raffigurante la Regina.IMG_4230

Cav. Oscar Elia Lunetta

S.E. Amadeo-Martín Rey y Cabieses Vice Auditore Generale e Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio confratello della Real Compagnia della Beata Maria Cristina Regina delle Due Sicilie

Con Amadeo Rey

Amedeo Rey y Cabieses con Antonino Sala

Carissimi,

Sono devotissimo della Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie. Sono stato a Napoli con le LLAARR i Duchi di Noto -ormai Duchi di Calabria- il giorno della sua beatificazione nella Basilica di Santa Chiara, e mai dimenticherò quella bella giornata di fede e di preghiera, insieme a tanti amici e confratelli. Sarà quindi un vero onore appartenere alla vostra Real Compagnia di cui tu sei Governatore. Molto tempo fa ho particolare interesse nel mettere in luce il fatto della santità di tanti re e regine, principi e principesse della nostra amata Europa, che, dimenticando se stessi, hanno capito bene che il modo migliore per essere signori è servire gli altri. La posizione dei monarchi al vertice della società li rende particolarmente preziosi come un esempio di vita e di guida cristiana per coloro che siamo ancora in pellegrinaggio terreno. Per cioè, incoraggio tutti i miei fratelli in questa Real Compagnia a seguire l’esempio di bontà e di umiltà della Beata Reina Maria Cristina e a conoscere meglio la sua vita.

Amadeo-Martín Rey y Cabieses.

Cordoglio per la scomparsa di Nino Buttitta

Esprimo alla famiglia Buttitta le mie sincere condoglianze per la scomparsa del prof. Nino Buttitta, insigne studioso, autore di libri fondamentali sulla Tradizione del popolo siciliano ed uomo libero, che conobbi molti anni fa. Il 2 febbraio 2010 fummo relatori al convegno “Craxi dieci anni dopo” tenutosi nella Sala delle Lapidi del Palazzo di città a Palermo organizzato da Tommaso Romano, Agostino Portanova e dal sottoscritto con la partecipazione di Bobo Craxi. Un uomo certamente eccezionale che ha lasciato un segno importante nella vita culturale siciliana.

Antonino Sala

Auguri al nuovo Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani

Auguri al nuovo Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani. Un risultato importante per l’Italia oltre che un’incarico di altissimo prestigio per lui. In gioventù Tajani è stato militante del Fronte Monarchico Giovanile, movimento giovanile dell’Unione Monarchica Italiana, nata come organizzazione separata da quest’ultima, in cui ricopriva la carica di vicesegretario. Congratulazioni Presidente Tajani.
Antonino Sala

Tommaso Romano, “Elogio della Distinzione” (Ed. Thule) recensione di Antonino Sala

Non è impresa semplice ripen­sare la storia, i suoi Istituti, le sue pe­renni Tradizioni, nel divenire caotico e sovvertitore che viviamo. Tommaso Romano, studioso e autore noto, da molti decenni impegnato nel fronte tradizionale, consegna una sorta di Stimma essenziale dell‘ideologia della distinzione, che si apre con un saggio dell’Autore, ampio e artico­lato, tutto teso a rivendicare lo Spirito e l’attualità del messaggio cavallere­sco e aristocratico per chi, esistenzial­mente, resiste come un cavaliere er­rante nel caos dissolutivo. Egli traccia così una mappatura storica, senza perdere il riferimento pedagogico teso ai valori costitutivi delle diffe­renze che distinguono il soggetto dal­l’uomo standardizzato e massificato. Romano ritiene possibile il rinvigori­mento di ordini e associazioni nobi­liari, di Compagnie e Confraternite che si possano – anche in numero quantitativamente non ampio – ri­formare spiritualmente e gerarchica­mente, ritrovando o riproponendo le virtù peculiari e rivendicando altresì un aiolo, una regola e una prospet­tiva per l’uomo che ricerca oltre lo smarrimento. Segue nel bel volume un ampio Florilegio di frasi, aforismi, pensieri, brevi saggi scelti dall’Autore di pensatori e scrittori di tutti i tempi (è ricordato anche Gaspare Cannizzo e J. Evola) che, pur nelle rispettive posizioni e nella contestualizzazione necessaria, ci danno una visione or­ganica, seppur diversificata, sul tema e quindi sugli aspetti specifici, che vengono ora proposti, senza il setta­rismo delle posizioni pregiudiziali, ma lasciando aperta la meditazione.

Chiude l’Opera, una vasta bibliografia (anche sull’Araldica e la Genealo­gia), che è forse una delle più com­plete fra quelle ad oggi edite in Italia. Una selezione di disegni, incisioni, stampe correda il libro prezioso, con Autori anche contemporanei che hanno interpretato con acribia il tema, oltre che con le classiche vi­sioni della cavalleria medievale. Pur vivendo in tempi realmente apocalit­tici – dice Romano – è ancora più ur­gente e radicale l’impegno alla for­mazione e all’autoformazione, necessari fondamenti per una auto­nomia attiva della soggettività che sia fedele alle consegne tradizionali e in grado di ristabilire – almeno in sé – gli equilibri perduti e le idealità fondanti.
da: “Vie della Tradizione”, Rassegna semestrale di orientamenti tradizionali, n° 107, Palermo