L’arte di Michelaccio: mangiare, bere e andare a spasso. L’università per i liberi e uguali.

In questi giorni di campagna elettorale e di promesse mirabolanti, ho sentito il presidente del Senato Piero Grasso, leader dell’ennesima neo formazione di sinistra, proporre l’abolizione delle tasse universitarie, e mi sono chiesto: questo sgravio fiscale per chi è? visto che gli studenti delle fasce di reddito più basse non pagano o quasi e se meritevoli usufruiscono di tutti i benefici del diritto allo studio come le borse di studio erogate dagli ERSU, i contributi alloggio per i fuori sede, le mense universitarie gratuite, i contributi per cause eccezionali, i posti letto presso i pensionati universitari ed altri vantaggi ancora. Per chi ha un reddito alto? Per chi ha buoni stipendi, magari statali come il suo e che è giusto che paghi l’iscrizione ai corsi? chi favorirebbe una norma del genere? I benestanti? E tutti i servizi che ho enumerato prima, che sono erogati grazie proprio ai contributi universitari dei più abbienti che fine farebbero? Con quali soldi si potrebbero tenere aperti gli Ersu e i loro pensionati che hanno accolto gli studenti meritevoli ma privi di mezzi? Semplice verrebbero aboliti insieme alle tasse, ed avremmo solo una pletora di giovani liberi di bighellonare e uguali nel non imparare…bravi solo nell’arte di Michelaccio: mangiare, bere e andare a spasso.

Antonino Sala

Il Re e la Regina d’Italia sono tornati. S.M. Vittorio Emanuele III e la sua sposa Elena in Italia.

Il 10 agosto 2015 anche io aderii all’appello di di S.A.R. la Principessa Maria Gabriella di Savoia per riportare in patria le spoglie mortali del Re Soldato Vittorio Emanuele III, infatti la Principessa aveva inviato una lettera a Paolo Granzotto de il Giornale, lettera che il 16 luglio 2015 fu prontamente pubblicata con il titolo: Non lasciamo all’Isis la tomba del Re Soldato (www.ilgiornale.it ). Oggi grazie alla benevolenza del Sign. Presidente della Repubblica Italiana, On. Sergio Mattarella, il rientro in patria delle spoglie mortali del Re Soldato, Vittorio Emanuele III Re d’Italia e della Regina Elena sua sposa sono diventate una realtà. E’ una giornata storica per la nostra nazione, un momento di pacificazione e di riappropriazione della nostra storia. Anche se forse sarebbe stata più opportuna una sepoltura al Pantheon di Roma, comunque oggi è un giorno di festa e ritengo un fatto positivo che le salme dei sovrani Elena e Vittorio Emanuele, siano ritornate nella loro sede naturale il suolo italiano.

Antonino Sala

Reliquia del Ven. Fra Andrea da Burgio donata a S.A.R. Dom Duarte Pio di Braganza dai cavalieri Gaetano Cottone, Vito Di Leonardi e Antonino Sala

I confratelli della Real Compagnia della Beata Maria Cristina di Savoia Regina delle Due Sicilie, cavalieri Gaetano Cottone, Vito Di Leonardi e Antonino Sala hanno donato, nel corso di una cerimonia della Real Compagnia presso la Cappella di Maria SS della Soledad di Palermo, una reliquia ex corpore del Venerabile Frà Andrea da Burgio (Burgio il 10.9.1705 – Palermo 16.6.1772) O.F.M. Cappuccini, a S.A.R. Dom Duarte Pio di Braganza, in quanto legittimo erede e discendente di S.M. Giovanni V del Portogallo (Lisbona, 22.10.1689 – Lisbona, 31.07.1750) 24° Re del Portogallo e dell’Algarve.

Il referendum in Veneto e Lombardia? Il peggio deve ancora arrivare…..prepariamoci

Il referendum per l’autonomia di Lombardia e Veneto, come avevamo già scritto, si è dimostrato: un azzardo per la politica, che non sa più interpretare il sentimento popolare e nemmeno guidarlo; una falsa rappresentazione dell’opinione pubblica visto i dati dell’affluenza e quelli dei no; l’inizio di un processo di dissoluzione nazionale, che si vuole far diventare realtà dando sfogo a agli istinti primordiali egoistici, caratteristica più delle fiere che degli uomini, per far saltare il principio della solidarietà nazionale che ha sempre contraddistinto l’Italia; la mancanza di un vero soggetto politico nazionale, come fu il Movimento Sociale Italiano, il Partito Monarchico, il Partito Liberale ed Alleanza Nazionale, capace di interpretare l’idea di appartenenza alla comune patria italiana, dei tantissimi che preferiscono non andare a votare per non rendersi complici della fine ingloriosa di tutto. Il sistema della menzogna colpisce ancora: quasi tutti i media nazionali (tg, giornali, siti web, agenzie di “disinformazione”), nemmeno quelli cosiddetti “anti”, rilevando il fatto oggettivo ed incontrovertibile che in Lombardia ha votato solo il 38,33% degli aventi diritto e che di questi i no sono stati 4,71% e che quindi siamo al 33,62% di Si, non hanno gridato al flop di un plebiscito tanto sbandierato quanto inesistente, ma anzi hanno aperto con un incitamento alla rivolta anti nazionale sull’onda di un risultato “eccezionale”, a sentir loro, a discapito invece dell’opinione dei più ed alla faccia della democrazia tanto amata a parole quanto oltraggiata nei fatti. Il caso del Veneto, dove i votanti sono stati il 57,2% e di questi il no 1,8%, anche se migliore nei numeri è uguale nella sostanza, infatti ci sono stati un po’ meno della metà di non votanti e qualche no, e quindi la maggioranza ha detto no a questa maldestra e quanto mai malandrina richiesta di autonomia. Quasi tutti il giorno dopo sono scesi in campo a rivendicare il voto come atto di libertà senza però farne una vera analisi. Quel che è peggio, lo scopriremo tra qualche tempo: i lombardo veneti chiamati alle urne, si accorgeranno che non è cambiato e non cambierà nulla, perché era solo una consultazione non vincolante e che i loro promotori, consapevoli del risultato finale, li hanno semplicemente buggerati. Questo produrrà tre effetti drammatici sull’opinione pubblica: il primo, l’aumento della sfiducia in questi soggetti politici e nelle istituzioni che ahimè rappresentano e che stanno trascinando nel discredito; il secondo, la crescita di una rabbia ancora più rancorosa e marcata contro l’Italia come Stato unitario perché incapace di mutare assetto, come sarà declamato dai lanzichenecchi del potere finanziario che ha solo da guadagnare nello smembramento delle patrie vedi il caso Spagna; il terzo, i cittadini del nord crederanno ancora di più alle panzane che da anni vengono propagandate sulla presunta ostilità e inutilità del Sud, con la conseguente reazione di odio che dal meridione salirà verso le mura dell’ex Ducato di Milano. Chi oggi urla le tesi di un nord produttivo e perfetto ed di un sud scroccone ed inefficiente, sa benissimo che è una menzogna, perché senza le innumerevoli risorse, umane, ambientali e finanziarie, che da 150 anni vengono depredate da Roma in giù per impinguare le banche, le imprese e le sue istituzioni, il settentrione sarebbe ancora arretrato come lo era all’epoca dell’unificazione italiana pagata con l’oro rubato dal Banco di Napoli e dal Banco di Sicilia, come dimostrano diversi approfonditi studi su questi avvenimenti storici. Senza i docenti del sud trasferiti per “bisogno” al nord, gli studenti sicuramente parlerebbero “lumbard”, con buona pace di qualcuno che disconosce l’uso della lingua di Dante, visto che le scuole e le università statali e private chiuderebbero domani poiché si reggono su di loro; senza gli ingegneri, i tecnici e gli operai, le grandi imprese ed anche quelle piccole, semplicemente non esisterebbero; e che dire della famosa sanità lombarda, potrebbe essere quella che dicono sia senza i medici laureati dalle università del meridione? E tutta la cultura e l’arte per cui Milano e Venezia vantano qualche primato: dal teatro, al cinema, alla poesia, alla musica, alla moda sarebbe la stessa senza il contributo di idee e progetti pensati da uomini e donne del sud? Tutto si rivelerebbe solo una triste scimmiottatura della Germania di cui diventerebbero satelliti, come quando il Lombardo Veneto era uno staterello, senza prestigio e peso politico internazionale, dell’Impero Austroungarico, o come quando la repubblica cisalpina lo era dell’Imperatore Napoleone, con l’aggravante di oggi di non avere né Bonaparte, né il Kaiser, né gli Asburgo e nemmeno un Re, ma solo qualche cancelliere molto poco “affabile”, per usare un eufemismo, voglioso ancora una volta di saccheggiare il nostro bel paese.

Tanto per dare qualche dato storico, utile però a fare chiarezza, il Ducato di Milano (1395-1797, dal 1708 detto anche Ducato di Milano e Mantova) fu un antico Stato dell’Italia settentrionale mai del tutto indipendente ma facente parte, nel corso della sua storia, del Sacro Romano Impero fino al 1499, del Regno di Francia dal 1499, dell’Impero spagnolo dal 1535 e dalla Monarchia asburgica dal 1714 e dopo le guerre napoleoniche divenuto Regno Lombardo Veneto sotto il diretto controllo dell’Impero Austroungarico, e alla fine entrò nel Regno d’Italia dopo le battaglie di Solferino e San Martino nel 1859 con l’eccezione del Veneto che vi fu annesso nel 1866. Inoltre l’Imperatore Ferdinando I d’Austria si fece incoronare a Milano nel 1838 Re del Lombardo Veneto indossando la Corona Ferrea volendo così affermare il suo dominio anche come legittimo erede dei Re d’Italia e testimoniandone l’esistenza almeno come titolazione dell’omonimo regno, cosa che precedentemente aveva fatto lo stesso Napoleone Bonaparte. Questo solo per dire che storicamente l’indipendenza che qualcuno vorrebbe appoggiare su precedenti illustri semplicemente è un falso di dimensione colossale però usata ad arte come arma di disinformazione di massa.  Quello che accadrà, temo, sarà che tra qualche anno, quando la situazione non potrà essere molto diversa da ora, e visto l’accentuarsi del disfattismo alimentato dal sistema della menzogna mediatica, gli stessi figuri che oggi gridano “autonomia” domani urleranno “indipendenza” come a Barcellona, aprendo consapevolmente la via a scenari da guerra civile, in cui lo Stato centrale dovrà necessariamente confrontarsi con una realtà difficile ed incattivita, quasi da lotta armata. Purtroppo in Italia manca, come dicevo prima, un partito o un movimento culturale nazionale, dalle Alpi alla Sicilia, che sappia interpretare la nostra vera identità come popolo, che dai tempi della Roma dei sette Re, del Senato, dei Cesari, dei Papi, degli Imperatori del Sacro Romano Impero e dei Re d’Italia ad oggi, ha reso grandi servigi all’intera umanità con la sua genialità, con la sua arte, con il diritto, e grazie al Cristianesimo con la religione della carità nella verità.

Non possiamo rassegnarci a questo triste destino di disfacimento dell’unità nazionale, di annichilimento della solidarietà e della sussidiarietà tra regioni italiane in nome di un egoismo becero, anticristiano e quindi antieuropeo, alla volontà di abbandonare la nave Italia che affonda, grazie alle voragini prodotte dalle stesse classi dirigenti politiche e finanziarie, che oggi propongono di lasciare il meridione in balia di se stesso, magari difronte a un invasione islamica e di un nord assoggettato alle influenze estere senza prestigio e ruolo politico internazionale. Per tutto questo, fermo restando che nessuno è pregiudizialmente contro le autonomie vere come quella Siciliana e non inventate ad arte, credo che la via giusta per costituire un argine sia quella di costruire un’alternativa culturale autentica, che riporti al centro del dibattito, è quello che tentiamo di fare da anni con i nostri strumenti editoriali, l’essenza dell’italianità: il coraggio, la genialità e la spiritualità che fu la caratteristica di Roma, sempre e comunque, “ab Urbe condita”. Viva l’Italia.

Antonino Sala

Ingresso di Antonino Sala con investitura del Gran Maestro l’Abate Generale Dr. Bruno Platter nell’Ordine Teutonico

Domenica 15 ottobre 2017 si è concluso il mio percorso di Noviziato ed insieme ad altri confratelli, sono ufficialmente entrato nell’Ordine Teutonico, in tedesco Orden der Brüder vom Deutschen Haus St. Mariens in Jerusalem o Deutscher Orden,  uno dei più antichi e prestigiosi ordini della cristianità e l’ultimo a lasciare la Terra Santa. È sicuramente un grande onore ma anche una grande responsabilità sapere di appartenere ad una storia di più di 800 anni di impegno per la cristianità, la cristianizzazione dell’Europa e la difesa della Terra Santa. Ringrazio il nostro Gran Maestro l’abate generale S. E. Bruno Platter, il vice Gran Maestro e procuratore generale presso la Santa Sede padre Laurentius Meissner, il Balivo di Santa Maria degli Alemanni in Sicilia dott. Pino Zingale, il cancelliere dott. Paolo Tronca e tutti i Confratelli teutonici per avermi accolto in questa prestigiosa famiglia.

Nella stessa occasione il Gran Maestro ha elevato la Commenda autonoma di Santa Maria degli Alemanni a Baliato, un avvenimento storico perché dopo 500 anni di assenza la Sicilia ritrova il suo ruolo nell’Ordine, grazie al duro impegno dell’attuale consiglio direttivo guidato da Pino Zingale.

Alla cerimonia hanno partecipato in abito da Chiesa: il delegato dell’Ordine di Malta barone Vincenzo Calefati  di Canalotti insieme a una loro rappresentanza, il cavaliere prof. Tommaso Romano per il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, una delegazione dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro e i confrati della Chiesa di San Matteo al Cassaro. 

Antonino Sala FamOT

Solenne pontificale di investitura dell’Ordine Teutonico a Palermo il 15 ottobre 2017

Il prossimo 14 e 15 ottobre 2017, presiedute dall’Abate Generale Dr. Bruno Platter OT, 65° Gran Maestro dell’Ordine Teutonico, avranno luogo le investiture dei nuovi membri dell’Ordine nel di Santa Maria degli Alemanni – SIcilia. Le celebrazioni avranno inizio presso la Chiesa Capitolare di Monreale, il 14 ottobre 2017, alle ore 21.30, con la “veglia d’armi” che costituirà un momento di profonda riflessione e meditazione sulla scelta di vita che ciascun novizio sta per compiere con il suo ingresso nell’Ordine.  Il 15 ottobre 2017, poi, alle ore 11, presso la Chiesa di San Matteo al Cassaro di Palermo, splendido esempio monumentale di barocco siciliano, accompagnato dal coro dell’Associazione Filarmonica Santa Cecilia di Agrigento, avrà luogo il Solenne Pontificale di investitura, presieduto dal Gran Maestro e concelebrato dai sacerdoti dell’Ordine. La Chiesa di San Matteo è attualmente legata all’Ordine Teutonico in quanto il suo Rettore è Don Giuseppe Iozzia famOT, membro dell’Ordine. In rappresentanza del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio sarà presente il cavaliere di merito con placca prof. Tommaso Romano.

Nella foto accanto l'Abate Generale Dr. Bruno Platter OT, 65° Gran Maestro dell’Ordine Teutonico e Antonino Sala

Nella foto l’Abate Generale Dr. Bruno Platter OT, 65° Gran Maestro dell’Ordine Teutonico e Antonino Sala

In questa occasione io concluderò il mio noviziato ed entrerò nell’Ordine Teutonico, grazie alla benevolenza del Balivo dott. Pino Zingale FamOT, dei confratelli del Baliato siciliano e del Gran Maestro. Ritengo che sia un grande privilegio appartenere a una quasi millenaria storia cavalleresca al servizio di Cristo e della Cristianità e per questo ringrazio Dio che mi ha messo su questa strada e spero con il suo aiuto e la protezione di Maria Immacolata di essere sempre degno di un tale onore. Per coloro che volessero partecipare comunico che le funzioni religiose sono di libero accesso.

Antonino Sala

 

Una riflessione sulla storia della Catalogna o meglio sulla contea di Barcellona poi Corona di Aragona

A tutti i moralisti, filo indipendentisti e separatisti di tutte le latitudini, democratici a casa degli altri e ossequiosi dell’ordine costituito come quelli che in Spagna lodano i secessionisti e in Italia invece deprecano le forze politiche che rivendicano le stesse avventure sia a destra che a sinistra, a quelli che offuscati dal pensiero unico dominante lanciano anatemi contro un legittimo stato costituzionale, il Regno di Spagna, ed altri soggetti del genere, vorrei ricordare che la cosiddetta Catalogna è un invenzione e che le guerre che si succedettero nei secoli in Spagna non furono guerre di secessione ma di successione tra i vari discenderti degli antichi sovrani cristiani. Infatti nel IX sec. d.C. fu istituita la Contea di Barcellona con i territori che i Franchi conquistarono ai mussulmani e solo dopo l’unione della contea di Barcellona e il regno d’Aragona, in conseguenza del matrimonio tra Raimondo Berengario IV e Petronilla di Aragona sorse la Corona d’Aragona nel 1137 e non la Catalogna. Questo per dire che la cosiddetta antica indipendenza della Catalogna è solo un invenzione per distruggere l’unità della Spagna e delle patrie. Per inciso il popolo della Catalogna votò favorevolmente per l’attuale Costituzione e pertanto la regione divenne una delle comunità autonome all’interno del Regno di Spagna. Fermo restando che la violenza da qualunque parte provenga va sempre condannata ma non può essere il facile alibi per tentare di sovvertire l’ordine civile e non affrontare democraticamente le vere questioni politico amministrative in campo, visto che tra le altre cose hanno votato solo il 40% della popolazione e di cui il 8% si è pure dichiarato contrario alla secessione come hanno affermato gli organizzatori di questa consultazione, dati purtroppo non verificabili e minoritari rispetto al contesto generale.

Antonino Sala

Per l’unità del Regno di Spagna. Solidarietà agli amici spagnoli. No alla violenza.

In mattinata ho espresso la solidarietà de “iTradizionalpopolari”, anche a nome di Tommaso Romano, al Regno di Spagna attraverso una cordiale ed amichevole telefonata a S.E. don Amadeo Rey y Cabieses vice auditore generale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio che ieri ha celebrato coraggiosamente nella cattedrale di Barcellona il rito delle investiture cavalleresche dello Smoc alla presenza del Gran Maestro don Pedro di Borbone Due Sicilie. Nel corso del cordiale colloquio, Sala, ha espresso tutta la preoccupazione per quello che sta avvenendo in Catalogna, dove si tenta di sovvertire l’ordine costituzionale con un referendum illegale, chiamando al voto anche chi ingenuamente crede di scegliere liberamente il proprio destino non immaginando quale mistificazione eversiva si nasconda dietro la facciata indipendentista. Noi da sempre crediamo nell’autonomia delle regioni, ma altrettanto pensiamo fortemente che l’unità degli stati non debba essere messa in discussione per le mire ambiziose di coloro i quali speculano politicamente alle spalle del popolo ignaro. Bene ha fatto il presidente del parlamento europeo, onorevole Antonio Tajani, a manifestare la propria solidarietà al governo di Mariano Rajoy in nome dei valori della convivenza civile che con questo atto eversivo si vogliono scardinare trascinando il Regno di Spagna in un clima da guerra civile che potrebbe essere preludio ad altre ondate simili in tutte le nazioni europee o peggio potrebbero aprire le porte ad un nuovo terrorismo di matrice indipendentista di cui la Spagna per tanti anni è stata vittima. S.E. Amedeo Rey, che è anche confratello costantiniano di Romano e Sala e confratello d’onore e croce al merito per la riconquista della Real Compagnia della Beata Maria Cristina di Savoia, ha apprezzato il gesto fraterno, che estenderà a S.A.R. Don Pedro di Borbone Due Sicilie Gran Maestro dell’Ordine Costantiniano e cugino di Re Felipe e a Sua Maestà stessa. Inoltre ci si è augurato che prevalga il buon senso, in maniera da ricondurre tutta questa vicenda ad un livello di confronto politico basato sul reciproco rispetto tra le forze in campo senza violenze di piazza le quali andrebbero deprecate comunque. Infine invitiamo le forze politiche italiane, specialmente quelle di centrodestra, a mantenere un profilo di prudenza e vicinanza alla Spagna di Re Felipe rispetto a quanto sta accadendo a Barcellona dove si concentrano la maggior parte dei rivoltosi anzi la quasi totalità di essi lasciando fuori la maggioranza silenziosa favorevole all’unità, sperando di non doversi mai trovare a dover arginare spinte centrifughe simili tendenti a minare l’unità dell’Italia, che seppur raggiunta con mille criticità e difficoltà, è certamente un sacro valore da difendere.

V edizione del premio “La Campana di Burgio 2017”: la campana ad Andrea Bartoli di Farm Cultural Park, il premio speciale al Togbe (Re tradizionale) Oseii III del Ghana.

Venerdì 25 Agosto al Castello Normanno si è svolta la V edizione del premio “La Campana di Burgio” condotto autorevolmente dal direttore Antonino Sala e dal sindaco Vito Ferrantelli. Ad Andrea Bartoli, ideatore di Farm Cultural Park, è andata la campana, il premio speciale per le attività umanitarie è stato assegnato al Re tradizionale di Godenu nel Volta, una delle regioni della Repubblica del Ghana che nella sua costituzione gli riconosce autorità e poteri concreti, a Togbe Osei III, per il suo impegno nella tutela e valorizzazione dell’identità e della tradizione del suo popolo. Nelle varie sezioni sono stati consegnati riconoscimenti ad alcune importanti personalità che si sono distinte nella letteratura siciliana ed italiana, nella ricerca storica e nelle arti. Agli organizzatori della manifestazione sono giunti i messaggi del ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli, quello del Togbe Osii III dalla Casa Reale di Godenu e quello del console onorario del Ghana Francesco Campagna questi letti da Mimmo Macaluso e consegnati ufficialmente alla direzione del premio da Ignazio Matinella.  La premiazione ha riguardato anche un elaborato a cura di Claudia Fantucchio sul poeta Giorgio Caproni e durante la serata è intervenuto in collegamento audio il figlio dell’autore Attilio sottolineando l’importanza dell’evento. I premiati nelle varie categorie sono stati gli scrittori Francesco Maria Cannella, Maria Favarò, Leonarda Barncato, Giuseppe Nicola Ciliberto, Alberto Petix, Giuseppe Schillaci, il professore ordinario della facoltà di Agraria di Palermo Carmelo Dazzi, la storica Angela Scandaliato, il poeta Giuseppe Cannata, il pittore Calogero Termine, il direttore della biblioteca di Cianciana Mario Ottavio Caramazza, gli scultori Gino Gaeta e Calogero Marciante, il paesaggista Giuseppe Di Salvo, il musicista Ezio Noto, i promotori culturali Pierfilippo Spoto e Damiano Marinello, i tenori Giuseppe Infantino, Rosolino Claudio Cardile  e Pippo Veneziano, la compagnia teatrale di Burgio “Sotto le Stelle”. Inoltre sono stati assegnati i diplomi di merito agli studenti che si sono distinti recentemente negli esami di maturità ottenendo il massimo punteggio, Giulia Giannetto, Adriana Piazza e alla giovane Dafne Cabibbi.

“Il premio La Campana di Burgio ha acquisito con questa V edizione, dice il direttore Antonino Sala, in un crescendo di figure di storici, letterati, artisti, mecenati e filantropi, anche un carattere internazionale, con il riconoscimento al Togbe Oseii III del Ghana, testimoniando come la Tradizione e la Cultura siano aspetti fondamentali per un autentica fioritura di ogni civiltà in ogni luogo e di ogni popolo.”

 “Con la V edizione del premio continuiamo ad incoraggiare le migliori intelligenze della provincia di Agrigento e della Sicilia, come Andrea Bartoli ideatore di Farm Cultural Park, dice il Sindaco Vito Ferrantelli, lanciando così un segnale di apertura, speranza, riscatto e solidarietà in favore di chi investe sulla cultura, la tradizione e l’innovazione facendone così un occasione di autentico sviluppo umano.”

Messaggio del console onorario del Ghana  avv. FRancesco Campagna

Preg.mo Cavaliere,

La ringrazio per il cortese invito, sarei stato felice di partecipare ma non mi è possibile per pregressi impegni che mi trattengono fuori sede. Mi congratulo per l’iniziativa e mi rallegro per la scelta di premiare un importante rappresentante della Chieftancy in Ghana: le autorità tradizionali ghanesi – che convivono con la Costituzione Repubblicana – sono i custodi fedeli della tradizione e allo stesso tempo sono impegnate quali agenti di sviluppo del territorio e Togbe Osei III ne è testimone sapiente e illuminato. A lui e a voi tutti giunga il mio saluto e le mie sincere felicitazioni, con l’augurio di poterci incontrare in una prossima occasione.

Molti cordiali saluti

Francesco Campagna

Consolato Onorario della Repubblica del Ghana